Prodotti e piatti tipici di Grottaferrata

Essendo il cuore dei Castelli Romani, Grottaferrata ha tutta una varietà di prodotti tipici che sono propri di questa zona tanto amata dai Romani. La cucina tipica proviene direttamente dalla tradizione culinaria Romana, con alcune piccolissime variazioni locali.

Il vino

Essendo patria di vigneti anche pregiati e di piccole vigne di campagna, il vino è uno dei caposaldo dei prodotti tipici della zona. Oltre ai classici vini di Frascati e Marino, troviamo la famosa “Romanella”. Un vino frizzantino (rosso o bianco), dolce e gustoso, venduto in bottiglie senza etichetta nelle fraschette e nei chioschi di porchetta. Sulla preparazione di questo vino si sa ben poco, ma si dice sia frutto della rifermentazione del vino in bottiglia con un metodo poco impegnativo e di solito prodotto in casa. Oggi molti cultori del vino stanno riscoprendo questo prodotto che si accompagna perfettamente con la porchetta e le coppiette. 

La porchetta

Panino con PorchettaLa porchetta è un conosciutissimo prodotto tipico di Grottaferrata, si tratta di un maiale intero, svuotato, disossato, condito e arrostito in forno dalle 2 alle 5 ore. La porchetta viene servita a fette tagliate rigorosamente a mano e dev’essere consumata il giorno stesso dell’acquisto. Tiepida esprime al massimo il suo sapore e l’aroma delle spezie, le parti più gustose sono quelle grasse. La freschezza si riconosce dalla croccantezza della crosta ovvero la pelle del maiale, grassa e croccante. Essa è tradizionalmente servita in panini imbottiti di porchetta e crosta nei famosi chioschi sparsi nel paese. 

Approfondimento: https://it.wikipedia.org/wiki/Porchetta

Le coppiette

Coppiette di AricciaLe coppiette sono un prodotto tipico della della zona dei Castelli, si tratta di gustose striscie carni di cavallo, suine e bovine essiccate dal gusto leggermente piccante per via del peperoncino o della paprika e allo stesso tempo fresco perché, spesso, aromatizzate con anice stellato. Sono dei prodotti tipici con una lunga storia e sono nate con lo scopo di conservare a lungo la carne. Inizialmente erano prodotte solo con carne di cavallo che a poco a poco venne sostituita con la carne di suino. Le coppiette venivano consumate perlopiù come uno snack durante i lunghi spostamenti ma, per via della loro sapidità, venivano anche servite nelle osterie laziali per indurre i commensali a consumare una quantità più elevata di bevande. Oggi sono un ottimo antipasto artigianale con cui aprire con gusto una cena in compagnia.

Approfondimento: https://lorenzovinci.it/magazine/

Ciambelle al mosto

Ciambelle al mostoQuesto gustoso dolce tipico è originario di Marino (un paese a due km da Grottaferrata) ma rientra comunque in pieno nella tradizione culinaria Grottaferratese. La ricetta delle Ciambelle al Mosto è molto antica, qualcuno vorrebbe farla risalire al tempo di S. Francesco che fece visita ad alla sua discepola Marinese Jacopa dé Sottesoli. Aneddoto a parte, la tradizione vuole che la produzione della ciambella al mosto risalga al XVII secolo. L’ingrediente principale di questo dolce, ovviamente, è il mosto d’uva della vendemmia tra settembre e novembre. Ogni forno e famiglia possiede una propria ricetta ma gli ingredienti base sono: Farina, Olio, Zucchero, Uvetta e Lievito di Birra. Si consuma ovviamente accompagnata da un buon bicchiere di vino dei castelli.

Ricetta: http://www.sagradelluvamarino.it

Commenti chiusi